/ Altri sport

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Altri sport | martedì 14 marzo 2017, 09:34

Dalla strada e i cross ai Trail

Da alcuni anni anche in Italia, (in Francia da circa 10/12 anni),  stanno prendendo sempre più piede i Trail, forse perché gli Atleti sono stufi delle solite corse, le classiche 10 Km in città magari correndo in una area industriale oppure a lato di una tangenziale ……………., forse le uniche corse su strada che gli atleti apprezzano sono dalla Mezza maratona in su per poi arrivare alla regina della Atletica la Maratona con i suoi 42.197 Km, oppure le classiche 100 Km (vedi il Passatore), corse non per tutti gli Atleti e sicuramente non improvvisati.  
Anzi dal 2016 il trail è stato riconosciuto dalla IAAF International Association  of  Athletics  Federation come specialità olimpica, e sicuramente alle prossime Olimpiadi 2020 /2024 si potranno vedere le prime gare.
Cosa si intende per Trail; correre nei boschi,  nei sentieri, su strade bianche,  gli unici tratti di asfalto sono concessi per eventuali trasferimenti , cercando di garantire un massimo del 5:8% sul percorso totale.


Quali sono le lunghezze con i Trail si fanno indicativamente 4 grandi suddivisioni: sotto i 12 Km spesso considerati Corti e non Competitivi,  medio circa i 20 Km.; lunghi circa 40 Km.; e ultra Trail arrivando anche a superare i 300 Km. Per queste lunghezze estreme sicuramente non vince il cronometro,  ma il riuscire arrivare magari con poche pause per ristori e alcune ore di sonno;  restando nelle prime suddivisioni  comprese i trail lunghi una grande caratteristica che identifica il trail è il +D per +D si intende la sommatoria di tutte le salite ovvero il Dislivello Positivo Totale.


In una classica 10 Km su strada si vedono tutti gli atleti pronti a scattare allo sparo, tutti pronti a schiacciare il pulsante del cronometro,  non guardando il vicino di corsa; certo anche nei Trail si schiaccia il cronometro allo sparo, è normale questo è agonismo è competizione, ma l’ambiente è più amichevole più famigliare, poi visto la morfologia dei percorsi ci fosse un infortunio tantissimi si fermano per aiutare e chiedere se si ha del bisogno, ma la cosa più affascinante è il famoso terzo tempo  in quasi tutti i trail diventa normale al termine sedersi con le gambe sotto il tavolo con un semplice piatto di polenta oppure pasta oppure una grigliata.
Un’altra caratteristica dei trail è visto la morfologia dei percorsi quasi sempre anche gli Atleti più forti ma sicuramente quelli che corrono per arrivare è correre la gara assieme in gruppetti,  per eventuali infortuni  e per “Tirarsi” a vicenda  arrivando al punto più alto, quello più impegnativo assieme con un grande sorriso.


Spesso assieme alla competizione nei Trail partecipano anche i camminatori tipo FitWalking-Cross,  Nordic Wlking e una della ultime nuove specialità i Dog Endurance e CaniCross.
Per Concludere a chi farà piacere potrà iscriversi al Pavarolo GeniAle Trail del prossimo 24/06/2017 di 18.280 Km. +D655 e alle Non Competitive di 15.140. +D570.
Ulteriori  informazioni sul sito:   www.pavarologenialtrail.com
Eugenio Solaro “Gene”

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore