/ Arrampicata

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Arrampicata | martedì 23 maggio 2017, 00:00

Simone Moli, l’aiuto istruttore di Triskellclimbing che ama la montagna e l’arrampicata

 

Per la consueta rubrica “L’Intervista” abbiamo incontrato Simone Moli, 30 anni, laureato in Chimica Clinica, Forense e dello Sport, capo reparto presso un'azienda farmaceutica. 

Aiuto Istruttore per Triskellclimbing ( Associazione sportiva di ottimo livello del panorama Chierese),  Simone ama la montagna in tutte le sue forme (escursionismo, alpinismo, sci...), la musica (ascoltata e... suonata), la lettura, in particolare romanzi in questo periodo, ed il cinema. Amo visitare posti nuovi, in quanto curioso per natura.      

Come nasce la tua passione per lo sport e l’arrampicata in particolare?       

Ho praticato diversi sport nella mia vita, sin da quando ero bambino: a livello amatoriale scherma, corsa, ciclismo, calcetto, a livello agonistico nuoto per salvamento, arrampicata ed attualmente light contact. Inoltre frequento l'ambiente montano praticamente da sempre. Credo che questa sia una cosa che si ha nel sangue, il desiderio di movimento, di sfogo, e perchè no di sana competizione. Per quanto riguarda l'arrampicata, ho cominciato a praticarla seriamente (prima era soltanto una pratica saltuaria, tre-quattro volte all'anno) a 18 anni, volendo smettere con uno sport, il nuoto, che aveva smesso di darmi stimoli. Seguendo le orme di mio fratello, ho praticato l'arrampicata sportiva con costanza e continuità per una decina d'anni, partecipando anche a gare e raduni, ed allenandomi due tre volte alla settimana, in particolare nel boulder. Da circa tre anni ho cominciato un percorso nella kick boxing, specialità light contact, e perciò ho momentaneamente accantonato la pratica costante dell'arrampicata. Nonostante tutto, capita che una o due volte al mese mi alleni o pratichi l'outdoor.    

Qual è stato il tuo percorso formativo? Sicuramente l'aver praticato per anni uno sport come il nuoto mi ha dato immediatamente nell'arrampicata lo stimolo al duro allenamento ed al desiderio di miglioramento costante. Un risultato che si ottiene con testardaggine e soprattutto con il mettersi sempre alla prova con progetti al di sopra del proprio livello.  Un aspetto caratteristico dell'arrampicata è indubbiamente la convivialità, il "conoscersi tutti", la lealtà. Questo ha fatto sì che mi affezionassi da subito all'ambiente. Negli anni posso dire di avere ottenuto discreti risultati: in falesia 7a+ lavorato, 7a flash e 6c a vista, sul boulder 7A+. Ho partecipato anche a diversi raduni e ad un paio di gare di Coppa Italia, difendendomi più che egregiamente.

Progetti futuri e obiettivi ?   Per quanto riguarda progetti rivolti verso "altri", da qualche mese collaboro con l'associazione Triskellclimbing, che si allena nella palestra di Buttigliera d'Asti. Il mio ruolo, in quanto Aiuto Istruttore, è di dare un sostegno negli allenamenti dei ragazzi e di importare nuove idee per stimolare la loro passione per l'arrampicata. Tra gli esempi, in questo periodo ho tracciato alcuni nuovi boulder di varia difficoltà sia per i ragazzi più grandi che per i più piccoli con l'aggiunta di qualche eliminante. Un'attività che stimola molto i ragazzi è dividerli in piccoli gruppi, ognuno con l'obiettivo di tracciare un boulder o un circuito da sottoporre poi agli altri; abbiamo notato il divertimento e l'impegno nel svolgere tale attività. Ci sono poi i classici 3+3 per aumentare la resistenza, i percorsi più belli vengono poi tracciati con il nastro in modo da essere fruibili a tutti.  Con l'associazione stiamo inoltre compiendo un percorso che mi porterà alla qualifica di Istruttore FASI.   

 

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore